Israele e Palestina

Sempre più difficile sopravivere nei campi profughi

Nel più affollato campo profughi palestinese, Ayn al Hilwe, alla periferia di Sidone, nell’ultimo mese si sono create delle fazioni rivali che hanno iniziato a fare dei veri e propri scontri armati. Per ora si contano almeno un morto e diversi feriti. Gli scontri sono avvenuti tra miliziani di Fatah, il partito del presidente Abu Mazen e un insieme di sigle estremiste. Le agenzie delle nazioni unite sono state costrette a sospendere i servizi scolastici e sanitari. Adesso è considerato uno dei campi meno sicuri del paese a causa della presenza di gruppi estremisti e sigle radicali che giorno dopo giorno continuano a crescere. Le forze di sicurezza libanese credono anche che all’interno del campo si nascondano pericolosi terroristi provenienti dalla Siria che hanno trovato un luogo sicuro e protetto.

Oltre alla presenza di questi gruppi anche il muro che circonda il campo non aiuta a mantenere un clima tranquillo e di pace, anzi è un elemento di forte tensione dato che trasmette l’idea di prigione.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Nuovi insediamenti a Gerusalemme Est
USA: “Gerusalemme capitale di Israele”
Menu