Libano

Libano today

 
Il Libano ha ospitato oltre 1 milione di rifugiati dalla Siria, oltre a diverse centinaia di migliaia di profughi palestinesi a lungo termine e oltre 20.000 rifugiati provenienti da altri paesi. Le autorità hanno mantenuto restrizioni che hanno effettivamente chiuso i confini del Libano alle persone in fuga dalla Siria. Il Parlamento ha abrogato una legge che consente alle persone accusate di stupro di sfuggire alla punizione sposando la loro vittima e ha approvato una nuova legge che criminalizza la tortura. L’accesso ai servizi essenziali è stato limitato dalla crisi economica. Le autorità hanno sfondo
La crisi economica è continuata. L’accesso ai servizi di base, compresa l’elettricità e l’acqua, è rimasto gravemente ridotto in tutto il paese. Nel corso dell’anno sono proseguite proteste pubbliche e scioperi, anche da parte di giudici, personale del settore pubblico, genitori e lavoratori, nonché residenti che vivevano vicino a siti di rifiuti non trasformati. La cattiva gestione dei rifiuti, che aveva provocato le più grandi proteste degli ultimi anni, è rimasta irrisolta.
Il 4 novembre, il primo ministro Hariri ha annunciato le sue dimissioni in un discorso pronunciato dalla capitale saudita, Riyadh, in circostanze non chiare. Il presidente Aoun non ha accettato le sue dimissioni, emesso condanne a morte; non c’erano esecuzioni.
Le forze armate libanesi (LAF) e il gruppo armato Hezbollah hanno lanciato due operazioni militari nella città di confine di Arsal, nel nord, contro i gruppi armati Jabhat Al-Nusra e lo Stato islamico (IS), rispettivamente a luglio e agosto. Alla fine di agosto, il LAF aveva riconquistato il controllo di Arsal e dell’area circostante e recuperato i corpi di 10 soldati libanesi presi in ostaggio da IS nel 2014.
Nel campo profughi palestinese di Ein el-Helweh, nella città meridionale di Saida, si sono verificati scontri tra gruppi affiliati all’IS e all’IS da un lato, e gruppi armati palestinesi e il LAF.
A giugno, il Parlamento ha approvato una nuova legge elettorale e ha programmato le elezioni parlamentari due volte rinviate per il maggio 2018, la prima a partire dal 2009. Rifugiati e richiedenti asilo,Una decisione del governo di maggio 2015 ha continuato a impedire all’UNHCR, l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, di registrare i rifugiati appena arrivati. I rifugiati siriani hanno incontrato difficoltà finanziarie e amministrative nell’ottenere o rinnovare i permessi di soggiorno, esponendoli a un rischio costante di arresti arbitrari, detenzioni e rimpatrio forzato in Siria. A febbraio le autorità hanno introdotto una rinuncia alla tassa di residenza di 300.000 sterline libanesi (USD200) per i rifugiati siriani registrati presso l’UNHCR, esclusi coloro che erano entrati in Libano dopo gennaio 2015 o che avevano rinnovato la residenza tramite lavoro o uno sponsor privato, nonché palestinese rifugiati dalla Siria. La rinuncia non è stata applicata in modo coerente dai funzionari governativi e molti rifugiati non sono stati in grado di rinnovare i permessi di soggiorno.
 
I rifugiati dalla Siria hanno continuato a dover affrontare gravi difficoltà economiche. Secondo le Nazioni Unite, il 76% delle famiglie di rifugiati siriani viveva al di sotto della soglia di povertà e più della metà viveva in condizioni inferiori agli edifici sovraffollati e nei quartieri densamente popolati. I rifugiati hanno affrontato restrizioni alla ricerca di un lavoro ufficiale e sono stati sottoposti a coprifuoco e altre restrizioni sul loro movimento in un certo numero di comuni. Diversi comuni hanno servito rifugiati con avvisi di sfratto, costringendoli a cercare luoghi alternativi in ​​cui vivere in un ambiente sempre più ostile e xenofobo. A marzo il LAF ha emesso avvisi di sfratto ai rifugiati che vivono nei campi nelle vicinanze della base aerea di Riyak nella regione della Bekaa, colpendo circa 12.665 individui.
 
L’appello umanitario delle Nazioni Unite per i rifugiati siriani in Libano è stato finanziato solo al 56% entro la fine dell’anno e i posti di reinsediamento in altri paesi sono rimasti inadeguati.
Il 30 giugno il LAF ha condotto incursioni in due insediamenti informali tendati ad accogliere i rifugiati siriani ad Arsal. Almeno 350 uomini sono stati arrestati durante le incursioni. La maggior parte è stata successivamente rilasciata, ma sono stati segnalati casi in cui alcuni detenuti sono stati torturati e altrimenti maltrattati dai soldati e quattro uomini sono morti durante la detenzione. Le autorità non hanno pubblicato alcun risultato delle loro indagini su questi decessi.
Tra giugno e agosto, migliaia di siriani sono tornati da Arsal in Siria, per lo più a seguito di accordi negoziati da Hezbollah con gruppi armati in Siria.
I rifugiati palestinesi, inclusi molti residenti di lungo periodo in Libano, sono rimasti soggetti a leggi discriminatorie che li escludono dal possedere o ereditare proprietà, accedere all’istruzione pubblica e ai servizi sanitari, o lavorare in almeno 36 professioni. Almeno 3.000 rifugiati palestinesi che non possedevano documenti di identità ufficiali hanno dovuto affrontare ulteriori restrizioni negando loro il diritto di registrare nascite, matrimoni e decessi.
Il Libano non aveva ancora ratificato la Convenzione sui rifugiati delle Nazioni Unite del 1951 e il suo Protocollo del 1967.
Tortura e altri maltrattamenti
A maggio, il Libano ha fatto la sua prima apparizione davanti al Comitato delle Nazioni Unite contro la tortura, dopo la ratifica della Convenzione delle Nazioni Unite contro la tortura e il suo Protocollo opzionale nel 2000 e nel 2008, rispettivamente. Un nuovo anti-tor.
 
https://www.amnesty.org/en/countries/middle-east-and-north-africa/lebanon/report-lebanon/

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Perché è importante la missione in Libano?
Un lungo periodo di manifestazioni per attraversare il Libano
Menu