Libano

Un lungo periodo di manifestazioni per attraversare il Libano

Richieste frequenti, che vanno dalle richieste socio-economiche alle richieste di formazione del governo, hanno scandito il giorno di ieri. Il fenomeno dei giubbotti gialli francesi sembra aver davvero conquistato la scena libanese. Testimone di una lunga giornata di manifestazioni di ieri, segnate da una manifestazione a Beirut e altri sit-in minori a Tripoli e Mina nel nord, e in Nabatiya e Tiro nel sud.
Le proteste nella capitale sono iniziate ieri a mezzogiorno, place des Martyrs, prima che i manifestanti facessero un giro in diverse zone della città, poi tornassero alla piazza Riad el Solh e finissero la loro manifestazione intorno alle 19h. Citata dal canale LBCI, alcuni manifestanti hanno detto che il loro movimento riprenderà mercoledì dopo Natale. Se gli organizzatori di questo evento, che sono apparsi sui social network, per il momento sono sconosciuti, nonostante le speculazioni, un gran numero di manifestanti indossava giubbotti gialli, nella maniera del movimento che ha protestato per diverse settimane in Francia. Diverse persone presenti sul posto hanno assicurato a L’Orient-Le Jour di farsi da sole per denunciare una situazione socio-economica sempre più deleterio. Inoltre, decine di manifestanti affiliati al partito Sabaa hanno preso parte al sit-in a Beirut, che ha guadagnato loro molti critici. Va notato che una manifestazione simile avviata dal Partito Comunista Libanese si è svolta a Beirut domenica scorsa.
Chiesto da L’Orient-Le Jour riguardo al rischio di “una ripresa politica della manifestazione, l’attivista Hamza Halabi ha respinto questa possibilità”. “I partiti politici non hanno nulla a che fare con questo rally. Ci sono persone di tutte le regioni, perché la fame e la povertà che ci riguardano sono inaccettabili (…) Se non c’è un governo presto, la gente tornerà sicuramente in fondo alla strada … Questo è solo l’inizio “, dice.
 
Per quanto riguarda le richieste dei manifestanti, espresse esplicitamente, si sono concentrate su rivendicazioni socio-economiche relative a prezzi del carburante più bassi, accesso all’acqua e all’elettricità e una soluzione al
 
problema. disoccupazione giovanile. I manifestanti chiedono anche una tessera sanitaria, poiché Hezbollah sta cercando il Ministero della Salute nel governo in erba. I manifestanti sono stati visibilmente segnati dalla morte di un bambino palestinese lunedì scorso a Tripoli, che secondo come riferito è morto perché non poteva pagare per le cure mediche. Una versione dei fatti rapidamente contraddetto dal Ministero della Salute in una dichiarazione. Molte persone hanno anche sfoggiato la kefiah palestinese ma non slogan o bandiere partigiane. Solo la bandiera libanese era sportiva.
Per Ahmad, un giovane della zona di Siddiqine (distretto dei pneumatici), “quelli che non hanno partecipato alla protesta hanno paura dei partiti politici”. “Siamo tutti affiliati alle feste, ma oggi siamo venuti di nostra spontanea volontà perché è troppo”, dice. Un altro manifestante dello stesso villaggio, Hadi, ha attaccato il ministro della sanità uscente, Ghassan Hasbani, e ha denunciato “l’alto prezzo delle medicine”.
L’effetto “gilet gialli” vince il web libanese)
“I manifestanti che hanno partecipato alla manifestazione organizzata dalla CPL e dal partito Sabaa provenivano dalla sinistra libanese e dai circoli laici. Non era più il caso Domenica movimento in cui si poteva trovare sostenitori di Hezbollah FL e cantando insieme con i tifosi delle squadre di calcio di Ansar e Nejmeh, “Mr. Dib che preso parte ad entrambi gli eventi.
 
Da Tripoli a Nabatiya, passando per Beirut e Tiro, lo stesso grido per esprimere la sofferenza comune e il malessere generale. Per la prima volta, sunniti, sciiti, ma anche i cristiani provenienti da ambienti modesti riuniti intorno lamentele comuni per protestare quotidiana è diventato insopportabile per un modo di continuare la popolazione impoverimento. In cima alle loro affermazioni, la riforma del sistema sanitario nel suo complesso e i posti di lavoro per una gioventù disperata.
 
Accanto alle persone svantaggiate della classe media, a volte con le famiglie, esprimono la loro insoddisfazione per la decrepitezza dello stato e il deterioramento della qualità della vita in generale.
“C’erano due folle: la classe popolare e coloro che venivano a esprimere la loro stanchezza di un quotidiano diventano intollerabili. Era una combinazione bizzarra e una situazione confusa, difficile da definire “, afferma un attivista.
 
https://www.lorientlejour.com/article/1149815/la-contagion-des-gilets-jaunes-a-t-elle-atteint-le-liban-.html

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Libano today
Il timori della risposta americana, Gli hezbollah aumentano nel governo libanese
Menu