Algeria

BANDITI DA RADIO E TV I PREDICATORI ESTREMISTI

Dopo il divieto di produzione e vendita del burka in Marocco (vedi https://www.operalapira.it/marocco-5/) , l’Algeria ha deciso di proibire sia in tv che in radio la presenza di predicatori religiosi dai toni estremisti, dei salafiti, dei veggenti e dei medici ciarlatani.

L’Autorità di regolazione dell’Audiovisivo (Arav), insediatasi circa un anno fa, ha pubblicato un documento che elenca le regole che i canali radio televisivi devono osservare riguardo al trattamento di argomenti religiosi.

Questo provvedimento è stato dovuto all’aver visto moltiplicarsi i passaggi di questi predicatori sulle tv algerine, e mira “a liberare la fede dai ciarlatani e da ogni sorta di fantasmagoria”.

“Non è ammissibile che la religione possa essere fatta oggetto di speculazione o manipolazione mediatica a fini politici o partigiani. Speriamo con il tempo di vedere i nostri predicatori tornare spontaneamente ad attenersi ad un discorso dottrinale conforme alle credenze locali e a far prova di non adesione a correnti di pensiero ostili alla modernità, alla concordia civile o alle nostre tradizioni ancestrali, ivi compreso il nostro modo di vestire”, indica in un comunicato l’Arav.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

ELEZIONI PARLAMENTARI: BASSA AFFLUENZA E IMMOBILISMO
Menu