Libano

Un muro per i Palestinesi anche in Libano

L’esercito libanese sta erigendo un muro intorno al campo profughi palestinese di Ain Al Hilweh per contenere un problema che è senza soluzione da 60 anni.
L’operazione è iniziata a fine novembre 2016 e con il primo step sono stati eretti oltre 200 metri di cemento alternati a torrette nella parte Sud del campo palestinese più grande del Libano.
Il Libano è stato uno tra i primi Paesi ad accogliere i numerosissimi profughi palestinesi in seguito alla formazione dello Stato d’Israele. Secondo una recente stima sono dai 90mila ai 120mila i profughi accolti all’interno di quello che oggi è divenuta una vera e propria cittadina.
Durante i quasi 60 anni d’accoglienza, i profughi palestinesi qui accolti non sono mai riusciti ad integrarsi nella realtà e società libanese, vivendo al suo interno senza alcun tipo di dirtto sociale  epolitico.
La costruzione del muro, quindi, non è altro che l’ultima risposta ad un problema mai affrontato, di cui né la realtà libanese né la comunità internazionale sembra mai essersi preso cura. A Ciò si debbono poi aggiungere i milioni di profughi siriani che in pochi anni si sono rigettati all’interno del confine libanese in cerca di protezione e asilo. Una situazione difficilemnte gestibile dal governo libanese, che si è trovato solo a dover fronteggiare le emergenze.
“I 200 metri di cemento contengono la sintesi di un problema mai affrontato, anzi rimandato nel Il muro eretto intorno ad Ain Al Hilweh non è che la sintesi della questione libanese: un paese che si è fatto carico passivamente di due eredità pesanti, quella palestinese e quella più recente siriana. La bomba ha iniziato il suo countdown.” (Davide Lemmi – L’indro).
http://nema-news.it/un-muro-per-i-palestinesi-anche-in-libano/
http://www.lindro.it/il-muro-che-e-la-sintesi-delle-debolezze-libanesi/

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Il muro della vergogna
Un piccolo passo per le donne, abolizione articolo 522
Menu